Recensione • “E luce sia” di Anthony McCarten

Ciao a tutti

“E luce sia” è il nuovo libro di Anthony McCarten, autore del libro L’ora più buia da cui è stato tratto l’omonimo film e di varie sceneggiature di successo, come La teoria del tutto e Bohemian Rapsody. Ed è proprio questa vena da drammaturgo che compare dai primi capitoli di E luce sia, di essere in un film più che un libro, di essere trascinati nella storia dell’inventore più famoso al mondo attraverso la voce del protagonista stesso.

Il protagonista indiscusso è Thomas Ava Edison, il geniale e turbolento inventore della lampadina. È protagonista nei suo flashback, raccontati ad un ragazzino sulla banchina di una stazione deserta; nei mesi snervanti che hanno preceduto e seguito la grande ff2f2332b16d49080d33cbc5f8c6baf6invenzione; nel rapporto con una New York che sta cambiando, quella degli ultimi anni del XIX secolo, diventa gigante, imponente, in mano a banchieri sempre più avidi e spietati. In quest’ottica si impone la figura di J. P. Morgan. Corpulento, eccessivo, con una ricchezza basata sull’ostentazione, sarà la salvezza e la grande rovina morale di Edison. Lo metterà in competizione, gli creerà una vita esclusivamente di lavoro, gli darà un peso che Edison si porterà sulle spalle per tutta la vita.

La narrazione è quella di un film, le immagini non fanno fatica a prendere vita, a mostrarsi davanti ai nostri occhi. I capitoli brevi aiutano molto questo aspetto, imperniati soprattutto sui sentimenti, le emozioni e i pensieri dell’inventore, più che sulle descrizioni. Ne troverete poche, come pochi sono i dialoghi, riservati a frasi d’effetto o spiegazioni di circostanza.

A mio parere, E luce sia non ha le pretese per essere un grande libro, gli servirebbe un po’ più di sostanza. Potrebbe essere l’incentivo però per un ottimo film, questo non è da escludere. È comunque un valido accompagnatore, non sostituto, a noiose biografie, a chi desidera conoscere una delle figure più incisive e rivoluzionarie – autore della svolta verso l’epoca moderna – avendo anche al contempo una esaustiva visione sulla società del XIX e inizio XX secolo. Su quel mondo investito da un cambiamento che non ha precedenti, di cui la lampadina è  promotrice.

●••○••●

Il mio voto: Una lettura piacevole

4 tazze

●••○••●

 

41v0II4t+WL._SX331_BO1,204,203,200_E luce sia

di Anthony McCarten


Editore: Frassinelli

Thomas Edison, genio, scienziato, inventore della lampadina e di un altro migliaio di brevetti, si trova in un momento di difficoltà, che questa volta non sa superare. A mancargli è il denaro, quello che gli serve per le sue ricerche e soprattutto per realizzare i prodotti che ha immaginato. E proprio quando la situazione diventa insostenibile, si presenta alla sua porta chi del denaro ha fatto il proprio mestiere, con lo stesso talento e la stessa dedizione che Thomas mette nell’inventare. J. P. Morgan è famoso in tutta l’America: perché è un banchiere di enorme successo, perché emana un potere quasi assoluto e certamente perché ha una disponibilità di denaro sostanzialmente infinita. Per lui, offrirne una parte a Edison non è che un altro investimento. Per Thomas, è la soluzione a tutti i problemi. Ma quello che il genio stipula è un patto col diavolo: invischiato nella vita privata di Morgan, sempre più avido dei privilegi che la ricchezza gli garantisce, Edison non si rende conto di essere solo uno strumento per arricchire uomini già ricchi, per rendere più potenti uomini già potenti. Finché un giorno, si risveglia dal suo torpore e ascolta la folla. Che reclama a gran voce: che luce sia!

●••○••●

Acquista il libr qui sotto; (Link affiliazione Amazon)

●••○••●

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...