Recensione • “Alla ricerca del Principe Dracula” ( Hunting prince Dracula ) di Kerri Maniscalco

Ciao a tutti

Fermate tutto e concedetemi qualche minuto, il libro che vogli presentarvi oggi merita anche qualche attimo in più. Dopo il primo libri, Stalking Jack the Ripper, in cui ho conosciuto Audrey Rose e Thomas, continua il viaggio nel loro universo misterioso ottocentesco, con “Alla ricerca del Principe Dracula” (Hunting prince Dracula), secondo libro della serie di Kerri Maniscalco. Eccovi la recensione completamente free spoiler. Se lo avete letto anche voi, fatemi sapere se la pensate come me!

Novità: L’intera serie di Kerri Maniscalco verrà pubblicata in Italia da Oscar Mondadori. Sarà in libreria dal 15 Settembre 2020

●••○••●

978880472414HIG-333x480Hunting prince Dracula

di Kerri Maniscalco

Dopo aver scoperto con orrore la vera identità di Jack lo Squartatore, Audrey Rose Wadsworth lascia la sua casa nella Londra vittoriana per iscriversi – unica donna – alla più prestigiosa accademia di Medicina legale d’Europa. Ma è davvero impossibile trovare pace nell’oscuro, inquietante castello rumeno che ospita la scuola, un tempo dimora del malvagio Vlad l’Impalatore, altrimenti noto come Principe Dracula.

Strane morti si susseguono, tanto da far mormorare che il nobile assetato di sangue sia tornato dalla tomba. Così Audrey Rose e il suo arguto compagno, Thomas Cresswell, si trovano a dover decifrare gli enigmatici indizi che li porteranno all’oscuro assassino. Vivo o morto che sia.

 

●••○••●

Per quanto si fa voler bene, su una cosa i lettori di questa serie sono tutti concordi: ovunque Audrey Rose va, porta guai. La fortuna è che poi riesce anche a risolverli, ma questa è tutt’altra questione.

Si è buttata alle spalle, o almeno ci prova, Jack lo squartatore ed i suoi macabri omicidi, ora, alle soglie del 1889, la rincontriamo su un treno diretta alla più grande scuola di f2ba9c7b5bf59440818931fc7a8ae299medicina forense del mondo. E dove potrebbe mai trovarsi una scuola in cui si studiano cadaveri e tecniche assassine? Ovviamente del caratteristico castello del conte Dracula in Romania. Ad accompagnarla anche questa volta, ci sarà l’irresistibile Thomas, la quale sola presenza è un ottimo motivo per iniziare a leggere la serie. Perché le cose non potrebbero essere calme e tranquille, a movimentare le acque entrerà in scena un misterioso assassino in tutto e per tutto assomigliante al leggendario Vlad II l’impalatore. Il fantasma del voivoda tornano a mietere vittime o un emulatore con molto tempo libero? I nostri due amati protagonisti si butteranno a capofitto nelle indagini con il loro consueto modus operandi: senza alcun interesse per la propria incolumità, mischiando curiosità ad uno sfacciato divertimento. Ed ovviamente noi non possiamo non seguirli.

Se è questa la linea che vuole intraprendere Kerri Maniscalco, non ho alcun dubbio che i due libri che seguiranno, saranno ai limiti della perfezione. Jack the ripper ci aveva fatto tremare, non lo nego, ma Dracula sarà il terrore allo stato assoluto. L’investigazione, i misteri, gli stratagemmi ed enigmi da risolvere: le indagini strutturate bene sono quelle che alla fine ti fanno dire “non ci credo”. Ebbene, con il Conte lo direte molte volte, fidatevi. Dallo spettacolare treno Orient Express all’impenetrabile Castello di Bran, con piccoli accenni al caratteristico villaggio di Brașov: con le ambientazioni 6e86296f4fe6dfc13b70ebe338f05521questa volta la scrittrice si è superata, giocando molto sul ruolo oscuro che stesso i nomi di questi luoghi suscita, e inserendolo perfettamente in una storia per niente scontata, per niente prevedibili.

I personaggi meritano un capitolo tutto loro. Se nel primo Audrey Rose ha dovuto fare i conti con il proprio desiderio di indipendenza in un società tutt’altro che liberale, questa volta la vediamo a combattere scheletri del passato ancora peggiori. Con la solita delicatezza e innato coraggio che la contraddistingue. Ha un percorso ancora arduo davanti a lei, non ho dubbi che la scrittrice la farà crescere nel modo più realistico possibile. Dal canto suo poi ha un valido alleato, forse il migliore. Thomas non si smentisce in ogni sua azione, e l’ironia che è il suo tratto caratteristico, ha la capacità di rendere tutto più bello. Dove non c’è si sente la mancanza; in quelle scene in cui è presente, ci si gode le sue battute come se fosse acqua. Come avevo sperato, anche sulla sfera personale scopriremo molto di più su di lui. Piccoli dettagli sui quali non posso assolutamente esprimermi per non spoilerare, che tuttavia troverete molto interessanti, credetemi. Insieme, Audrey e Thomas, sono una delle coppie più riuscite in un libro. Sanno tenersi testa soprattutto, e lasciarsi andare (poche volte) ad aperti sentimenti. Fantastici.

Lo stile è quello che ti tiene incollati alle pagine anche se hai un esame da preparare. Se ho saltato qualche difetto fatelo presente, a mio avviso questo libro è una perfetta avventura per chi ama le storie piene d’imprevisti, misteriose quanto basta, con una giusta dose di romance che non smiela ma addolcisce i toni. Un crescendo che alimenta le aspettative per il terzo libro ai livelli massimi.

Buona lettura, Franci!

●••○••●

5 tazzee

Il mio voto: sempre più innamorata

●••○••●

Acquista il libro qui sotto:

●••○••●

3 pensieri riguardo “Recensione • “Alla ricerca del Principe Dracula” ( Hunting prince Dracula ) di Kerri Maniscalco

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...