Recensione & Giveaway • “Un disastro chiamato amore” di Chiara Giacobellli

Ciao a tutti

Al mare? In montagna? Nell’aria condizionata di un ufficio o nell’afa della città? Ovunque vi troviate, oggi ho il libro che fa per voi.

Un ragazza un po’ (molto!) imbranata, un uomo seducente e misterioso, una villa piena di segreti …. “ Un disastro chiamato amore” di Chiara Giacobelli è una piacevolissima fuga tra risate, incidenti e dolci sentimenti, per staccare la spina dall’afa opprimente e dal lavoro che non sembra finire, e volare dritti dritti sulla riviera ligure.

Qui di seguito trovate la recensione e se sono stata abbastanza convincente, vi serve sapere anche che sulla pagina facebook è attivo un giveaway per vincere una copia. A fondo pagina ci sono tutte le indicazioni.

●•●•○•●•●

9788865087527Un disastro chiamato amore

di Chiara Gicobelli


Editore: Leggereditore

Francese con un lavoro a Parigi e un appartamentino a Montmartre, Vivienne Vuloir è una ragazza buffa e imbranata che colleziona una figuraccia dopo l’altra, fa i conti con una fallimentare carriera di scrittrice e soffre di un numero indefinito di fobie. A trent’anni ha dimenticato il sapore di un bacio, si è adattata a essere identificata come “quella che si occupa di gossip”, ma soprattutto ha perso completamente fiducia nel genere umano, specialmente se maschile. Quando un giorno riceve un’inattesa telefonata da un certo Mr Lennyster, figlio di un’importante attrice italiana su cui ha da poco redatto un dossier, è certa di stare per subire una grossa lavata di capo. Invece, l’uomo vuole commissionarle la biografia della madre. Così, ben presto Vivienne si troverà a dover affrontare un’avventura a cui non è affatto preparata: un viaggio in Italia, un libro da scrivere, un uomo affascinante, dolce ma oscuro, e una villa piena di misteri da risolvere. Tra gaffe, tentativi maldestri di carpire i segreti della famiglia Lennyster, amori e altre catastrofi, Vivienne, inguaribile pessimista, capirà che la vita le sta per riservare una sorpresa inaspettata…

 ●•●•○•●•●

Una protagonista un po’ svampita, un ragazzo gentile e premuroso, una meravigliosa villa in una delle coste più belle d’Italia, e mistero, tanto mistero. Potrebbero essere questi gli ingredienti indispensabili per il tipico romanzo  dell’estate, perfetto da divorare sotto l’ombrellone. Se a ciò aggiungiamo uno stile semplice e unico, che ti coinvolge dalla prima all’ultima riga, una scacchiera di personaggi ognuno con le proprie definite caratteristiche, località da sogno descritte minuziosamente da far rodere d’invidia e atmosfere d’altri tempi, che ti catapultano nella dolce vita di Fellini in un battito di ciglia: allora, mie care, il libro che avete tra le mani è “ Un disastro chiamato amore” di Chiara Giacobelli. Simpatico, ironico e dolcissimo, la scrittrice fa tombola con una storia che ha in sé, le caratteristiche essenziali da renderla un successo: risate, emozioni e quella vena misteriosa e adrenalinica che non guasta mai. Due personaggi, uno l’opposto dell’altro, che insieme creano un mix esplosivo senza precedenti in grado di mantenere alta la tensione e ad ipnotizzarvi fino all’ultima pagina.

Alex mi tira su come se fossi un koala, le gambe attorcigliate attorno alla sua vita, la testa appoggiata alla sua spalla, il suo odore tra le narici, le braccia forti che mi stringono e mi fanno sentire tale quale allora: piccola, protetta, amata.

Una protagonista Vivienne, come non l’avete mai conosciuta, semplice e spontanea nella sua imbranataggine. Etichettata come “ quella che si occupa di gossip”, tra una festa beautiful,converse,girl,landscape,birds,water-a857322f23a2988752702c3ece7957c5_hmondana e l’altra, aspetta  l’occasione della vita, quel salto di qualità che le regali finalmente l’orgoglio di sentirsi chiamare scrittrice.  Il destino sembra giovare a suo favore quando un certo Mr Lennyster le commissiona la biografia della sua defunta madre, una famosa attrice italiana. Inizia così per Viv una vera e propria avventura. Disposta a trascorrere il periodo estivo in Italia, tra cene a lume di candela, passeggiate in giardino, rocambolesche cadute e gite al pronto soccorso, Viv scoprirà finalmente se stessa e la fiducia, completamente persa, nel principe azzurro.

Cadute e passi falsi ( letteralmente!) sono all’ordine del giorno per una francese tutta sale e pepe che nasconde, sotto strati di paranoie e paure, un carattere vivace e spensierato, bramante di avventure. Vi farà sperare molte volte, tra un’alzata di occhi e l’altra, che prima o poi impari a camminare senza inciampare. Tuttavia la scrittrice riesce a conferirle comunque una tenerezza infinita e come Alex, vi renderete conto che Viv e goffagine non possono non coesistere. E ve ne innamorerete perdutamente.

Quando ho deciso di farti stare qui con me, ho accettato anche i disastri che riesci a combinare, insieme al caos che ti porti dietro. È tanto difficile capire che mi piaci proprio perché sei così? Non ho nessuna pretesa di cambiarti, non ti vorrei mai diversa da come sei.

Sarà Mr Lennyster, Alex Lennyster, a servirle su un piatto d’argento la svolta tanto ambita, quella combinazione di romanticismo e intrighi che aiutano a smuovere Viv dalla sua bolla di sicurezze, e a gettarsi nella mischia. Una mischia fatta di navi lussuose e luoghi da sogno, di una Liguria magica. Vi verrà voglia di passeggiare tra il borgo di Porto Venere, assaporare i colori e la meraviglia del Golfo dei poeti, immergervi in quei luoghi che custodiscono intatta, la memoria dei grandi. Paesaggi d’altri tempi, quelli dove Botticelli conobbe la sua Venere, Simonetta Vespucci, che la penna della scrittrice culla in modo delicato e poetico, dandogli vita.

DCIM100MEDIADJI_0019.JPG

Porto Venere   ©Ylenia Contini

 

Se da un lato Alex le regala l’ebbrezza dell’amore e della vera felicità, dall’altro la coinvolge, involontariamente, in una spirale di misteri e vecchi segreti, che stuzzicano ancora di più la vena investigativa di Viv, sempre in guardia. Armata di buone intenzione e dell’irrefrenabile voglia di scoprire sempre di più sul conto dell’intrigante, bellissimo e incredibilmente paziente Alex, come una perfetta Sherlock insieme al suo Watson, scaverà a fondo nei ricordi di figure lontane e vicine, portando a galla segreti per troppo tempo rinchiusi. Galeotto è la biografia sulla madre del ragazzo, Elisabetta Grimaldi, la quale le permetterà di entrare sempre più a contatto con un mondo lontano, fatto di riflettori e immagini in bianco e nero. Della scintillante Hollywood e dei sogni realizzati di una bellissima ragazza italiana. Sarà come tornare indietro nel tempo, quello di camicette e gonne a vita alta, quello di Ettore Scola, Marcello Mastroianni o Vittorio Gassman, e quello di attrici mai tramontate come Audrey Hepburn e Sophia Loren, risvegliando la bellezza e i retroscena di una spaccato di cinema che fa sempre sognare.

DCIM100MEDIADJI_0037.JPG

Porto Venere vista mare ©Ylenia Contini

Una scatola piena zeppa di emozioni, è il libro di Chiara Giacobelli, raccontate con un’ironia fuori dal comune, supportata da personaggi fuori dal comune. Ognuno con una caratterista propria, saranno indispensabili nella vita della protagonista, mostrando le mille sfaccettature di un unico disastro. L’elettrizzante  Angy, l’opposto vivente di Viv, l’amica che ogni ragazza, imbranata e non, dovrebbe avere. Una spala su cui piangere e una voce forte a spronarla, una compagna d’avventura sempre presente. Il socio in affari della Vuloir & Co, l’agente Watson, il maggiordomo che ognuno, ricco o no, dovrebbe avere. Marco aiuterà la ragazza nelle indagini, ma più che altro, si dimostrerà un amico fidato nonostante un’iniziale indifferenza.

Nonostante siano il cavallo di battaglia del libro, non fatevi ingannare dalle tante risate. Chiara ci dimostra come anche un disastro nella vita, può avere la sua fetta di felicità. Siamo come siamo, imbranate, catastrofiche, migliori amiche della più nera delle sfortune, e ne andiamo fiere. Il segreto sta nell’accettarsi, con tutte le controindicazioni.  Se anche voi come Viv state cercando il vostro posto nel mondo, cadete, rialzatevi, girate tutti i pronto soccorsi d’Italia, alla fine troverete la vostra Angy, Watson e il vostro Alex ad aspettarvi.

Non rilegate Un disastro chiamato amore a semplice libro per l’estate. La storia di Viv va portata con sé giorno dopo giorno, per quei momenti in cui sembra che ogni cosa giri nel verso sbagliato, per quei momenti in cui la fortuna sembra avervi completamente abbandonato. Un sorriso, o meglio, una risata di gusto, vi cambierà la giornata! Ridete!

Buona lettura, Franci!

●•●•○•●•●

4 tazze buo

Il mio voto: Ironia e voglia di essere se stessi. Siate imbranati!

 ●•●•○•●•●

GIVEAWAY

Sulla pagina facebook del blog è in corso il giveaway per aggiudicarvi una copia del libro.

gIVEAWAY UN DISASTRO

Partecipare è semplicissimo, basta seguire le regole di seguito.

  1. Aprire QUESTO post di facebook
  2. CONDIVIDERLO impostandolo pubblico e TAGGARE due amiche
  3. Metteme “ MI PIACE” alla pagina A tavola coi libri
  4. Mettere “ MI PIACE” alla pagina Un disastro chiamato amore
  5. SEGUIRE la scrittrice Chiara Giacobelli ( Cliccando su segui!)
  6. Mettere “MI PIACE” alla pagina Leggereditore
  7. Per concludere … Scacciate il #maiunagioia con un in bocca al lupo 😉

 

Il giveaway terminerà Lunedi 8 Agosto e in seguito verrà estratto il vincitore.

In bocca al lupo 🙂

 

Salva

Salva

Salva

Annunci

3 pensieri riguardo “Recensione & Giveaway • “Un disastro chiamato amore” di Chiara Giacobellli

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...