Recensione del libro “Mess” di Ilaria Soragni

Ciao a tutti

E buon inizio settimana! il lunedì in genere non riesco mai a mandarlo giù per questo ho pensato di addolcire un po’ la pillola oggi, con una bella recensione.

Uscito il 31 Marzo per Leggereditore, ha riscosso subito un’enorme attenzione diventando uno dei libri più attesi della settimana. Si intitola “ Mess” ed è il frutto della penna della diciassettenne Ilaria Soragniinashtonsarms su Wattpad. Nata come una fanficton, pubblicata appunto sulla piattaforma digitale, tra un capitolo e l’altro,la travagliata storia tra Mavis e Niall ha toccato l’esorbitante soglia di due milioni di visualizzazioni, diventando così una delle fan fiction più amate del web.

mess

Due ragazzi chiusi in un riformatorio, che tra le settiche e spoglie mura di una struttura, impareranno a contare l’uno sull’altro, a scoprire sentimenti nuovi e contrastanti, per non sprofondare.

Una storia tutta da scoprire. Continuate a leggere per conoscere qualche particolare in più!

12939229_10208213475750817_1421362602_n (1)

Se la curiosità vi sta rodendo e avete una valanga di domande sul libro, potrete porle alla scrittrice stessa attraverso l’intervista su twitter che si terrà Mercoledì 6 Aprile. Le regole sono semplici: basta seguire l’account twitter di Ilaria Soragni e quello di Leggereditore, e twittare le vostre domande con l’ hashtag #MESSlibro. Vi restano solo due giorni per preparare le vostre domande!

divisori

 

1451983_881326355313658_5706475692952421946_nTitolo: Mess

Autore: Ilaria Soragni

Editore: Leggereditore

Cartaceo: 14.90€

Voto: 4 tazze

Maryland, USA. Mavis, diciotto anni, viene rinchiusa in riformatorio, accusata di aggressione. È internata nell’ala Nord della struttura, dove sono reclusi i ragazzi condannati per reati minori. Indossano delle tute verdi, unico colore in un mare di bianco, così monotono da stordirla. Anche a Mavis ne viene fatta indossare una, e le vengono illustrate le regole del luogo. La prima è “non avvicinarsi alla stanza 105”. Diversa dalle altre, in quella cella è rinchiuso un ragazzo di cui nessuno sembra voler parlare. Mavis sa solo che indossa una tuta arancione e che non dovrebbe trovarsi lì, bensì nell’ala Est, riservata a chi ha commesso crimini gravi. Il suo nome non viene mai pronunciato, gli altri ragazzi si limitano a chiamarlo 105, sussurrando piano. Da subito incuriosita, Mavis infrange la prima regola, facendo di tutto per entrare in contatto con lui. Poco alla volta riesce ad avvicinarsi, a scoprire il suo nome, Niall, e a violare il suo silenzio impenetrabile. Fra Mavis e Niall nasce un rapporto sincero, empatico, che se da una parte darà a Mavis la forza di non crollare, dall’altra la travolgerà, preda di sentimenti prima sconosciuti in nome dei quali metterà a rischio la sua stessa vita…

divisori

< Prima regola > le sussurrò. < Non avvicinarti alla stanza 105. >

Mavis di due cose era assolutamente certa: 1. Lei non aveva alcun motivo per restare al riformatorio, 2. La regola andava a tutti i costi infranta.

Amicizia, passione, rivincita e voglia di libertà, l’amore in grado di sbocciare anche nelle più buie delle situazioni: sono gli elementi fondamentali di uno YA che vi terrà incollati dalla prima all’ultima pagina. Una ragazza forte e coraggiosa, ormai all’estremo delle forze, che riesce tra cadute e risalite, a non perdere mai la speranza.

Tu sei il mio supereroe preferito, Mavis.

 

E un ragazzo solo e smarrito, arrabbiato col mondo, che porta un po’ di colore nelle sterili e bianche mura del riformatorio. Una mix esplosivo, fatto di sguardi e voci sussurrate, di complicità nata dalle situazioni più ostili.

sIlaria Soragni, con inaspettata bravura, è riuscita a dare carattere e spessore a personaggi unici e particolari, ognuno con un proprio bagaglio emotivo che resta costante, in tutta la lunghezza della storia. Una trama avvincente e mai scontata, che riserva sorprese ad ogni pagina. È questo il mondo di Mess, una massa indistinta di sentimento e azione, il tutto tra le settiche e impersonali mura di un riformatorio.

Mavis è l’eroina per eccellenza, una protagonista che racchiude in se la giusta dose di asdolcezza e determinazione che non annoia mai. Succube di una situazione troppo grande per lei, riesce a trovare uno spiraglio di luce anche negli angoli più bui, contando su certezze e punti di forza, che diverranno i suoi obbiettivi principali. L’altra faccia della medaglia è rappresentata dal ragazzo della stanza 105, misterioso e taciturno, che incuriosisce il lettore catturandolo nella sua rete e lasciandolo completamente ammaliato. Un perfetto cavaliere nei momenti giusti, premuroso e attento quanto basta, ma anche unico nel suo smarrimento. Un cucciolo bisognoso di affetto che col tempo matura in un imponente essere coraggioso e leale, che lo renderà speciale in un batter d’occhio.

Niall era sincero,adesso doveva pensare a un piano per uscire insieme da quel posto senza farle del male, senza che nessuno gliene potesse fare. Aveva paura di non riuscirci. Era così difficile pensare a qualcosa di giusto in un posto così sbagliato.

 

Un sentimento nato dalla curiosità e l’attrazione reciproca, tra chi l’amore non lo ha mai vissuto direttamente. Sguardi ricambiati e nascosti tra due anime che riescono ad incontrarsi nel più buio degli inferni. Perché anche il terreno meno fertile nasconde maglifici germogli.

In un posto come quello era facile affezionarsi alle cose che ti assomigliavano di più. Lo facevi soprattutto per non sentirti solo.

 

Poi l’amicizia, l’unico sentimento che riesce a creare squadre e ad infondere coraggio. Forte e potente, è il filo d’Arianna tra i vari ostacoli, l’ancora di salvezza per i protagonisti. Zayn, Harry Louis,Liam e Francesca, anime diverse e indispensabili, anelli di una grande catena robusta e invincibile, fatta di sogni e speranze, che li salverà tutti.

xMess è una dolce e appassionante storia, che stupisce non poco, devo ammetterlo. Un libro scritto con coerenza e logica, che non si contraddice ma riesce a mantenere alta la concentrazione fino all’ultima, dolcissima, parola. A costo di ripetermi, ammetto di esserne rimasta davvero sorpresa. Avevo iniziato a leggerlo aspettandomi la tipica fan fiction scritta in un italiano decente, ovviamente, ma con niente di speciale. Ho dovuto ricredermi fin dal primo capitolo, quando Mavis mi ha fatto capire che il libro che avevo tra le mani, mi avrebbe tenuto sveglia anche di notte.

xzasUna storia che sfiora le 5 stelline, se non fosse per pochissimi particolari. In principio la scelta di lasciare i nomi originali, ovvero quelli del gruppo su cui è ispirata la storia, gli One Direction. Un particolare che mi ha leggermente condizionata, in quanto per tutta la storia non ho fatto altro che associare il volto dei cinque cantanti, invece di immaginare dei personaggi mei, che penso sia una dell’aspetto più bello del leggere un libro. In secondo luogo c’è anche la poca attenzione per delle situazioni fondamentali che trattate con meno superficialità, avrebbero senza ombra di dubbio, reso ancora più interessante Mess.  L’inizio stesso del rapporto tra Mavis e Niall che manca di un giusto sviluppo, quello dalla scoperta dei primi sentimenti all’amore per eccellenza.

L’ultimo ricordo che aveva era quello di Niall coricato accanto a lei che le baciava la fronte e le diceva: < Resisti>. Dopo il buio totale. Come se quella parola, pronunciata da Niall, fosse stato il via libera per lasciarsi andare, per riposare.

 

Non per questo amerete di meno Mess, ve lo garantisco. Resterete completamente stregati da una storia fatta di odio e amore, ma soprattutto di condivisione e sostegno reciproco, tra chi scopre nel prossimo, la forza per ricominciare.

Una storia che vi farà sognare? Assolutamente si!

Una storia che vi farà battere il cuore? Assolutamente si!

Una storia che vi terrà svegli nel cuore della notte? Assolutamente si!

Una storia da leggere? Indovinate la risposta!

 

Il ricordo di Niall la fece vacillare. Forse lui era troppo complicato, forse Mavis non avrebbe mai risolto il labirinto nella sua testa… Ma sapeva che non si sarebbe arreso, quindi perché doveva farlo lei?

Anche se non poteva sapere se quello che stava facendo fosse giusto o sbagliato, avrebbe continuato a seguire il proprio istinto e a immaginare un futuro con Mavis. Forse non ci sarebbe riuscito. Ma sapeva che Mavis non si sarebbe arresa, quindi perché doveva farlo lui?

divisori

 

4 tazze

Il mio voto: una lettura sorprendente ed emozionante!

divisori

Acquista il libro qui sotto

1451983_881326355313658_5706475692952421946_n

 

Annunci

2 pensieri riguardo “Recensione del libro “Mess” di Ilaria Soragni

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...