Recensione ” Invisibile” di Andrea Cremer e David Levithan

Ciao a tutti

Lo so,è passato un po’ di tempo dal mio ultimo post, ma la neve è troppo bella e non potevo restare chiusa in casa. Il mio bambino interiore avrebbe protestato. Comunque,il libro di oggi e “ Invisibile di cui vi avevo già anticipato l’uscita. Nato dall’unione di due grandi autori, Andrea Cremer e David Levithan, Invisibility è uno Young Adult dalle tinte magiche, edito da Newton Compton. Continuate a leggere per scoprire, più nel particolare, la speciale storia d’amore tra Stephen ed Elizabeth.

invisibile_7344_x600Titolo: Invisibile

Autori: Andrea Cremer e David Levithan

Voto:3 tazze buo

Trama: Stephen è abituato a non essere notato. È nato così. Invisibile. A causa di una maledizione. Elizabeth ha desiderato spesso di essere invisibile. Se la gente non ti vede, nessuno può ferirti. Quando i due si incontrano però, qualcosa cambia per sempre nelle loro vite. Stephen si accorge con stupore che Elizabeth riesce a vederlo, e la ragazza si rende conto che desidera essere vista da Stephen, che non ha paura di mostrarsi a lui. Cosa sta succedendo? Da dove ha origine la maledizione che pesa sulla famiglia di Stephen? All’improvviso i ragazzi si ritrovano catapultati in un mondo segreto popolato da maghi e stregoni, di fronte a una scelta difficile, che mette in…

divisori

Se poteste avere un super potere, quale scegliereste? Al top della mia lista desideri c’è sempre stata l’invisibilità, subito dopo quello di poter volare. Il protagonista della nostra storia non indosserà nessun costume e spiccherà il volo per salvare dolci donzelle indifese, ma ha una particolare caratteristica che un po’ gli ho invidiato: l’invisibilità.

Stephen ha passato tutta la sua vita ad essere nessuno agli occhi del mondo, un nulla. invisibleUno spostamento d’aria in grado di parlare e, con la giusta concentrazione, materializzarsi. Nessun essere è mai stato in grado di vederlo, nemmeno la madre che a sacrifici lo ha cresciuto, o lui stesso, che davanti uno specchio svanisce. Col tempo ha imparato ad adattarsi, a osservare, a vivere attraverso gli altri sognando ciò che per chiunque altro è la normalità. Spettatore di una realtà con la quale gli è impossibile interagire. Fino a quando non incontra Elizabeth. Lei lo vede, lo sente e a tratti può anche toccarlo. Così, ad uno ad uno, le certezze che tanto difficilmente Stephen aveva eretto crollano in una serie infinita di dubbi e domande. Perché la ragazza sembra essere l’unica persona che può vederlo? In che consiste realmente la sua maledizione? Ma soprattutto chi l’ha lanciata e cosa fare per spezzarla?. Inconsapevolmente Elizabeth si ritrova coinvolta in un mondo di magia e incantesimi dove da semplice aiutante, ne diventa il personaggio fondamentale.

Sei tu la storia adesso, sei tu a decidere come andrà a finite.

Maghi distruttori, magia creatrice, veggenti di incantesimi, maledizioni e portafortuna: Cremer e Levithan hanno creato una New York oscura e pericolosa dove giochi di luce e ombre si scontrano in una lotta dagli esiti devastanti.

Stephen e Elizabeth si collocano al centro esatto di questa battaglia. Intenzionati a scoprire tumblr_lu4hkdhBQo1qzy9fpo1_500cosa si cela dietro la maledizione, saranno costretti a tuffarsi a capofitto tra incantesimi e sortilegi cercando di non restarne irrimediabilmente coinvolti. Lui restio ed insicuro,di chi la vita l’ha sempre vissuta attraverso un velo bianco. Lei caparbia e coraggiosa, di chi la vita decide di prenderla di petto, anche quando questa ti volta le spalle. Caratteri diversi e contrastanti, che insieme creano un esplosivo mix di azione e determinazione, ma anche sentimento e dolcezza. Stephen il personaggio che meglio di tutti incarna quest’ultima caratteristica. Come un cucciolo smarrito, è calcolatore e osservatore, poco incline all’azione, schierandosi sempre nelle retroguardie. Non vedendo spiragli di luce nella maledizione, accetta la sua condizione a testa bassa, sottomettendosi ed adeguandosi. Un sedicenne che ha imparato a vivere osservando, a comunicare leggendo.

Non è la solitudine, a dirla tutta. Perché quella deriva del fatto di pensare di poter essere coinvolto nel mondo ma in realtà non esserlo. Essere invisibile è essere solitario senza la possibilità di essere nient’altro che quello.

A rivoluzionare il suo punto di vista ci pensa Elizabeth che lo strappa dalla sua solitudine 01mostrandogli l’altra parte del vivere: quella senza regole o convenzione, quella gustata fino all’ultimo momento. Spavalda, alle volte quasi troppo ostinata, Eli – Jo – Jose con una ventata di novità porterà l’amore nella vita del ragazzo, quello forte e duraturo, che non guarda alle apparenze ma ti accetta senza condizioni. Porterà l’amicizia, quella unica e potente, che si piega ma non si spezza, che combatte. Porterà soprattutto speranza,in una interferenza, in un cambiamento, in una rivoluzione. Due facce di un’unica medaglia che divise finiscono per collassare, unite resistono e lottano.

< Nessuno lo ha mai visto. Tranne te.>

< Cosa vuol dire?>, sussurro.

< Che sei l’unica che può curarlo, penso. >

Una bella storia quella raccontata dai due scrittori, che con un abilità incredibile giocano con le parole,creando e caratterizzando luoghi e personaggi in modo unico (E i suoi occhi .. sono strani,ma seducenti.è un colore che potrebbe creare solo un pittore,ma solo con molto sforzoe una tavolozza infinita con cui sperimentare.sono azzurri,ma allo stesso tempo non lo sono. È quella sfumatura che si può ammirare appena prima che un cielo color uovo di pettirosso si fonda col ruggine e il rosa del tramonto.) . La delicatezza di un ragazzo che scopre per la prima volta l’animo umano. La gioia di un’amicizia vera, la passione di un amore forte, la crudeltà e l’invidia, ma anche la dedizione di chi è disposto a tutto per aiutarti. La determinazione di una ragazza, la rabbia e il dolore verso situazioni all’apparenza insormontabili, e il sollievo di chi crede ancora in una rinascita. Il tutto in una Grande Mela di veggenti ed incantesimi, di pozioni e giganti con un solo occhio.

Non siamo andati da nessuna parte, ma sembra che stiamo ritornando l’uno dall’altra. Il concetto che sta sotto la parola “ riunione “ è che, una volta di nuovo insieme, siamo uniti. Avvicinarsi a qualcuno è solo un simbolo temporaneo. È il modo in cui si respira l’uno con l’altra che è un segno rivelatore.

Nonostante la bellezza della storia in sé, ammetto di esserne rimasta un po’ delusa. Una maggiore dedizione al rapporto tra i due protagonisti, in particolare nella prima fase del loro innamoramento, avrebbe sicuramente reso ancora più magico il libro. Sottovalutato, il loro amore viene dato quasi per scontato, mancante quindi di quella scintilla che ogni storia d’amore che si rispetti deve avere. Anche la tensione narrativa presenta degli altri e bassi alternandosi tra picchi di assoluto batticuore, a calma totale quasi noiosa.

In conclusione, nonostante mi aspettassi molto di più sotto certi punti di vista, non escludo il fascino di una storia leggera e piacevole, che riuscirà comunque a prendervi e intenerirvi. Resterete ammaliati da Stephen, dal suo smarrimento e dalla sua voglia di essere visto. Un libro che mi ha fatto sognare un po’ meno, il dono dell’invisibilità.

A presto, Francesca.

divisori

3 tazze buo

Il mio voto: una lettura carina

divisori

Acquista il libro qui sotto

11147422

Annunci

Un pensiero riguardo “Recensione ” Invisibile” di Andrea Cremer e David Levithan

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...