La vera Christiana F. di ‘Noi i ragazzi dello zoo di Berlino’

Era il 1979 quando in Germania uscì ‘ Noi, i ragazzi dello zoo di Berlino’, libro biografico sulla vita di Christina f. Per la schiettezza e soprattutto la sua veridicità, il libro suscitò un enorme scalpore in tutto il mondo, incrementato dalla giovane età dei protagonisti. In breve tempo Christiana F divenne un vero e proprio controverso simbolo di quella parte di generazione che nei primi anni 80 viveva nella droga e nella prostituzione. In Italia il libro venne pubblicato nel 1981 dalla casa editrice Rizzoli mentre, nello stesso anno, si assiste alla trasposizione cinematografica con la regia di Uli Edel e la colonna sonora di David Bowie: uno dei maggiori successi cinematografici di quell’anno

2012_36387

Un infanzia difficile, la separazione dei genitori, l’iniziazione alla droga e poi alla prostituzione, l’autrice racconta la propria storia in modo schietto e disarmante, senza un attimo di respiro. Ti prende e ti sbatte in faccia la cruda realtà di un mondo non troppo lontano, un mondo che va avanti dietro l’angolo e in cui è facile perdersi come bere un bicchier d’acqua. È la storia di chi ce l’ha fatta come Stella e Kessi e di chi troppo giovane ha rinunciato a lottare come Atze o Babsi ( amica di Christiana e la più giovane vittima di droga del mondo occidentale).

Christiane F è figa se si tiene a una certa distanza, ma non la fate avvicinare troppo, grazie! Non erano interessati per niente a me, ma solo al fatto che fossi una drogata.

A 52 anni, con i suoi occhi ghiaccio e un sorriso da sopravvissuta, Christiana F. pubblica un’autobiografia –Christiane F – My Second Life – con il cognome puntato, proprio come allora. La principessina tossica si ri-racconta tra il successo del libro, il film, la vita negli Stati uniti e David Bowie.

in occasione dell’uscita, il sito Voice pubblica un’intervista alla vera Christiana F.
Ciò che c’è dietro un libro che tutt’oggi continua ad aprire gli occhi su un crudele realtà non ancora tramontata. http://www.vice.com/it/read/intervista-christiane-f-zoo-berlino

Quindi non vi consiglio di fare altrettanto, non è una bella vita da vivere, ma è la mia

cop.aspx

Berlino, anni Settanta, quartiere dormitorio di Gropiusstadt. Christiane F. ha dodici anni, un padre violento e una madre spesso fuori casa. Inizia a fumare hashish e a prendere Lsd, efedrina e mandrax. A quattordici anni per la prima volta si fa di eroina e comincia a prostituirsi. È l’inizio di una discesa nel gorgo della droga da cui risalirà faticosamente dopo due anni. La sua storia, raccontata ai due giornalisti del settimanale “Stern” Kai Hermann e Horst Rieck, è diventata un caso esemplare, una denuncia dell’indifferenza della nostra società verso un dramma sempre attuale. Una testimonianza cruda, la fotografia di un’epoca.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...